Tavolo # 4

 #IOSONOILCAMBIAMENTO, Bologna 20 febbraio 2016

DOCUMENTO PRODOTTO DALLA DISCUSSIONE DEI TAVOLI

TAVOLO 4

 

• Riforma dei comitati regionali
• Progetto Sud ed Isole
•  

All’incontro ha partecipato il Presidente del Comitato Regionale Pallacanestro che si è unito al nostro tavolo per descrivere il funzionamento del Comitato nella pallacanestro. Le domande sono state numerose e il dato saliente è il seguente: nella pallacanestro, il comitato regionale ha un’importanza considerevole e gode di una marcata autonomia sia economica che operativa. Ha a disposizioni risorse economiche ingenti che provengono in buona parte dal territorio e sul territorio sono reinvestite.

Naturalmente il modo di operare e i centri di spesa devono rispondere alle regole della federazione, in quanto il bilancio del comitato è parte integrante del bilancio federale. Pur tuttavia il comitato regionale ha consistenti margini operativi. La sua attività si concentra particolarmente, oltre ovviamente alla organizzazione dell’attività agonistica, sulla promozione e diffusione della pallacanestro e nel sostegno delle società.

Dalle risposte alle molteplici domande, emerge che non c’è differenza nelle carte, tra FIBS e FIP, bensì nel modo di operare e nell’autonomia gestionale. 

Per questo sarebbe auspicabile che il presidente di comitato regionale avesse un contatto costante con tutte le società, ascolto i loro bisogni e i loro problemi e cercando di risolverli. Avendo rapportidiretti con le istituzioni del territorio – comuni e regione –  e cercando di sensibilizzarle perché le società possano disporre di strutture e anche finanziamenti necessari allo sviluppo del nostro sport.

Il Comitato Regionale assume quindi un compito fondamentale nel territorio essendo centro di riferimento per le società del territorio stesso. 

Viene condiviso che l’attuale funzione dei Comitati regionali è atrofizzata, sterile, asettica, per la mancanza di risorse, di strategie e progetti e soprattutto di entusiasmo. Necessita quindi, di una profonda riforma e si auspica che possa disporre di autonomia progettuale e operativa nonché di risorse adeguate. 

Il Comitato regionale deve essere il punto di riferimento e di forza delle società presenti sul territorio proprio per l’attività sportiva e agonistica federale che queste svolgono.

Il secondo punto di discussione riguardava la diffusione del nostro sport nel sud e nelle isole.

Ai lavori del gruppo partecipavano due amici provenienti dalla Sardegna che hanno esposto la situazione nell’isola. È stato osservato che, ormai da 15 anni, non si registrano più incrementi di tesserati e società, al contrario si registra una consistente di attività e di società nelle isole e a sud di Nettuno, sia del baseball chdel softball.

Questa grave situazione di abbandono è testimoniato dal tentativo, degno di nota e di rispetto, di far nascere quella che si chiama “lega del Sole”, torneo pensato e realizzato con l’impegno delle pochissime società ancora funzionanti, ma nella totale indifferenza federale. 

Appare chiaro che è fondamentale e prioritario,attivare al più presto politiche federali concrete finalizzate alla promozione del baseball e softball nel sud e nelle isole.


Bologna.jpg

Annunci