Il giorno dopo: Tonino Guerra e l’ottimismo

Logo  Non sono passate nemmeno 24 ore, un tour veloce ed interessante, momenti simpatici di confronto e condivisione, questo era lo scopo.

E’ solitamente il viaggio di ritorno il momento in cui a caldo riesce meglio nella analisi della giornata.
Nel buio della notte, nella concentrazione sulla guida, la stanchezza per una lunga e piacevole giornata, arrivano a pelle le riflessioni più banali.
Domenica mattina, quello che segue é il giusto e simpatico riassunto dello stato dell’arte del movimento lo riassumo a tutti Voi per rilassarVi nella giornata dedicata a riposo e famiglia.

Il primo tempo tempo (la analisi)
dal film Wall Street: Money Never Sleeps

Il secondo tempo (il coraggio)
dal libro Basta piangere! Storie di un’Italia che non si lamentava di  Aldo Cazzullo

Concludo con Tonino Guerra, Santarcangiolese come la mia famiglia, riferimento popolare per la sua semplicità artistica, lui classe 1920, prigioniero di guerra e maestro elementare, esattamente le stesse identiche cose di qualcuno ancora vicino a me 60enne che ancora oggi dai suoi 95 anni quotidianamente mi da la forza ed il coraggio di pensare che “il cielo è sempre azzurro”.

Buona Domenica

Alberto Antolini